rotate-mobile
L'indagine

Traffico illecito di rifiuti, sequestrate due aziende e numerosi veicoli: dieci indagati

L'operazione Crazy Iron della Dda, con la polizia locale, nei comuni di Reggio Calabria, Melito di Porto Salvo e Campo Calabro

Traffico illecito di rifiuti, falso ideologico, associazione a delinquere e occupazione abusiva di suolo pubblico, sono queste le accuse di cui dovranno rispondere gli indagati dell'operazione Crazy Iron della Dda di Reggio Calabria.  A finire sotto chiave due ditte operanti nelle attività di trattamento di rifiuti ferrosi. Dieci gli indagati, a cui quale è stata notificata l’ordinanza applicativa delle misure cautelari.

La polizia locale di Reggio Calabria sta eseguendo numerose misure cautelari reali disposte dal gip su richiesta della procura della Repubblica guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri nei comuni di Reggio Calabria, Melito Porto Salvo e Campo Calabro. 

Le aziende con sede legale ed operativa a Reggio Calabria ed a Melito Porto Salvo e i relativi beni che tra i quali fabbricati e terreni, per un controvalore complessivo di oltre due milioni di euro, sono state affidate ad un amministratore giudiziario.

Sotto sequestro anche una decina di veicoli in uso ai conferitori di materiale ferroso che operavano senza alcuna autorizzazione né formulari prescritti dalla legge.

L’attività di polizia giudiziaria, sviluppata dal Nic della polizia locale di Reggio Calabria guidata dal comandante Salvatore Zucco, ha censito in un mese di monitoraggio, il conferimento illecito di circa 170 tonnellate di rifiuti concretizzatisi grazie a quasi mille movimentazioni illecite.

Secondo le prime risultanze investigative, i carichi venivano pagati in nero, e le aziende formavano poi dei formulari totalmente falsi al fine di giustificare il conferimento presso i centri di stoccaggio in varie città del sud Italia.

Trattandosi di procedimento ancora in fase di indagini preliminari vige il principio della presunzione di innocenza per tutti gli indagati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico illecito di rifiuti, sequestrate due aziende e numerosi veicoli: dieci indagati

ReggioToday è in caricamento