rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Cucina

Pignolata al miele, un dolce tradizionale dalla storia molto antica

Di seguito le origini e la preparazione della tipica pietanza reggina, con i suggerimenti - in merito - della Confartigianato e del maestro Angelo Musolino

La pignolata al miele è un dolce tipico di alcune zone del meridione d'Italia, principalmente della Calabria e della città Reggio. 

Nello specifico, la pietanza è una variante delle pignolata glassata messinese, alla quale è accomunata dalla forma a pigna fritta nello strutto, presente anche nell'impasto.

Tradizionalmente viene usata in occasione delle feste natalizie e di Carnevale, ma diversi appassionati la preparano anche durante tutto il corso dell'anno. 

Secondo alcuni recenti studi, è possibile che il dolce possa risalire a rituali molto antichi di età pagana: più esattamente al tempo in cui ha avuto origine il Carnevale, trasferitosi - poi - in età cristiana.

In quelle occasioni, mentre la gente si travestiva da animali per bere e mangiare in compagnia, un dolce ricoperto di miele ed a forma di pigna simboleggiava il risveglio della foresta

La preparazione

La pignolata, essenzialmente, è composta da palline di pasta fritta coperte di miele. La forma di pigna, da cui chiaramente prende il nome, è tipicamente reggina. Di recente, per decorare in modo originale il dolce, alcune persone aggiungono lo zucchero colorato.

Pochi giorni fa, sul proprio account facebook, Confartigianato Reggio Calabria - da sempre impengata nel tutelare e valorizzare i prodotti identitari del territorio - ha fornito alcune indicazioni in merito alla sua preparazione: nello specifico, ha chiarito quali siano gli alimenti necessari insieme al procedimento infallibile. 

Di seguito, ecco quali sono i suggerimenti forniti dal rinomato pasticcere Angelo Musolino. 

Ingredienti

- 625 grammi di uova                       

- 20 grammi di tuorlo                      

- 875 grammi di farina                     

- 75 grammi di alcool puro 95°       

- 12,5 grammi di sale                        

- 85 grammi di olio di mais        

Procedimento

"Inserire le uova il sale e l'olio in una planetaria dotata di frusta. Poi aggiungere l'alcool a filo, poco per volta, ed infine la farina" si legge nel post condiviso sui sui social. "Proseguire continuando ad impastare, finché il composto non risulterà elastico".

"In seguito, preparare dei cordoncini e tagliare a dadini, per poi friggerli con abbontante olio". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pignolata al miele, un dolce tradizionale dalla storia molto antica

ReggioToday è in caricamento