Lunedì, 22 Luglio 2024
La premiazione

"In memoria di Olga", quattro scuole reggine tra i premiati del concorso nazionale

Si è conclusa la manifestazione, giunta alla sedicesima edizione, dedicata alla bambina di Reggio scomparsa tragicamente con i genitori

Ci sono sei scuole calabresi, di cui quattro di Reggio Calabria, tra i vincitori del concorso nazionale ‘In memoria di Olga, la vita oltre’, giunto alla sedicesima edizione. Oggi, a Palazzo Alvaro, si è svolta la cerimonia di premiazione con la presenza del sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà.

“E’ un’iniziativa che dopo 16 anni dalla scomparsa di Olga - ha detto il sindaco - si rinnova, cresce, migliora nella partecipazione nella qualità anche nei nei lavori degli studenti. Credo che questo sia il modo migliore per onorare la memoria di Olga, ma farlo non in una in una maniera triste e soltanto commemorativa, ma stimolando la fantasia dei ragazzi, rispetto a dei lavori, a dei disegni, a delle espressioni artistiche, che gli facciano comprendere il valore della vita, che poi è quello che spesso diamo per scontato". Falcomatà ha poi aggiunto: "Viviamo giorni di festa che ci preparano al Natale, ma non dobbiamo dimenticare che questi giorni non tutti li vivono allo stesso modo. Il mondo è pieno di sofferenza e celebrare la vita è il modo migliore per non dare mai per scontato nulla, soprattutto la fortuna di poter godere appieno anche di queste festività”.  

L’evento, inserito nell’ambito del protocollo di intesa Mim- Sait, tra la Società Astronomica Italiana e il Ministero dell’Istruzione e merito è una attività voluta dalla città metropolitana di Reggio Calabria fin dal maggio 2008 per ricordare la piccola reggina Olga Panuccio, tragicamente scomparsa assieme ai genitori. Per il ministero alla cerimonia di oggi è stata presente la dirigente Anna Brancaccio, responsabile del settore attività didattiche scientifiche. In rappresentanza dell’ente metropolitano erano presenti anche il consigliere delegato, Filippo Quartuccio e il vicesindaco Carmelo Versace, per il Comune di Reggio Calabria anche l’assessora alla Cultura, Irene Calabrò.

"L’iniziativa - ha ricordato Quartuccio - si inserisce a pieno titolo in quella che è la promozione della cultura scientifica, fortemente voluta dal sindaco Giuseppe Falcomatà, attiva ormai da diversi anni in partenariato con il Planetario metropolitano Pythagoras, insieme al Mim e a tutte le associazioni coinvolte”.

“Questa iniziativa – ha aggiunto il consigliere  – oltre ad avere un un valore storico e identitario, ci consente di riscoprire la memoria di quello che si è verificato, non è un tributo alla morte, ma è un inno alla vita”. Anche per la sedicesima edizione del concorso la partecipazione nazionale è stata significativa, hanno partecipato 80 scuole distribuite sul territorio nazionale. L’entusiasmo e la partecipazione a questo concorso è notevole, il totale degli elaborati presentati quest’anno sono 600.

I vincitori di quest’anno rappresentano sette regioni italiane: Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna, Piemonte, Lombardia e Abruzzo.La commissione giudicatrice, dopo un attento esame dei lavori pervenuti ha, per ciascuna delle sezioni individuate, dichiarato all’unanimità i vincitori, tra cui figurano quelli di classi e allievi di sei scuole calabresi, di cui due del cosentino e le altre di Reggio. I lavori vincitori degli studenti reggini sono: per la scuola dell’infanzia sezione immagine, 3° premio scuola dell’Infanzia paritaria Disneyland sezione unica; per la scuola primaria sezione testo/testo illustrato 3° premio classe II A Ic Moscato, 3° premio ex aequo classe III C, primaria Frangipane Ic De Amicis-Bolani, premio Giovanna Ferrara ad Arianna Crea, classe IV A Ic Radice Alighieri di Catona.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"In memoria di Olga", quattro scuole reggine tra i premiati del concorso nazionale
ReggioToday è in caricamento