Domenica, 21 Luglio 2024
L'analisi / Gioia Tauro

Porto Gioia Tauro, Gelardi: "A rischio chiusura, urge intervento del governo"

L'analisi del capogruppo Lega del consiglio: "La situazione attuale richiede un'azione immediata per preservare l'occupazione e l'economia della regione"

Il primo gennaio 2024 segnerà l'entrata in vigore della direttiva dell'Unione Europea sul sistema di scambio delle quote di emissione (Ets) per il settore marittimo. Secondo questa direttiva, la tassazione sarà calcolata non solo in base al tipo di nave, ma anche in base alla distanza percorsa. In particolare, sarà applicato uno sconto del 50% se lo scalo di partenza o destinazione si trova al di fuori dell'Unione Europea, mentre sarà applicata la tassazione completa se si tratta di porti comunitari.

Questa nuova normativa ha già portato a segnali di rilocalizzazione, poiché le compagnie di navigazione stanno già pianificando l'attività di trasbordo container sulla sponda opposta del Mediterraneo, in Nord Africa. È fondamentale trovare una soluzione per salvare il porto di Gioia Tauro. Il governo deve intervenire tempestivamente per evitare il rischio di chiusura di questo importante scalo marittimo. La situazione attuale richiede un'azione immediata per preservare l'occupazione e l'economia della regione". 

Giuseppe Gelardi, capogruppo Lega del consiglio regionale della Calabria, sottolinea l'importanza di un intervento governativo urgente per affrontare questa sfida. Il porto di Gioia Tauro ha un ruolo strategico nel Mediterraneo e la sua chiusura avrebbe conseguenze negative non solo per la Calabria, ma anche per l'intero paese. Per il consigliere "è necessario adottare misure efficaci per incentivare le compagnie di navigazione a mantenere le loro attività nel porto e per attrarre nuovi investimenti.

La salvaguardia di Gioia Tauro richiede un approccio olistico che coinvolga non solo il Governo, ma anche le autorità locali, le associazioni di categoria e gli operatori portuali. È necessario promuovere una strategia di sviluppo a lungo termine che renda il porto più competitivo a livello internazionale, migliorando le infrastrutture, semplificando le procedure burocratiche e promuovendo la formazione e l'innovazione nel settore marittimo. Inoltre, è importante sottolineare l'importanza di una cooperazione internazionale per affrontare le sfide globali legate al cambiamento climatico e alle emissioni di gas serra". 

"La direttiva Ets per il settore marittimo - conclude il capogruppo della Lega - è un passo importante verso la riduzione delle emissioni, ma è necessario garantire che le misure adottate non penalizzino eccessivamente i porti europei, compromettendo la loro competitività. La situazione attuale richiede un'azione immediata per salvare il porto di Gioia Tauro.

Il governo, insieme alle autorità locali e agli operatori portuali, deve adottare misure efficaci per preservare l'occupazione e l'economia della regione. Allo stesso tempo, è fondamentale promuovere una strategia di sviluppo a lungo termine che renda il porto più competitivo e sostenibile. Solo attraverso una cooperazione internazionale e un impegno comune sarà possibile affrontare le sfide attuali e future legate al settore marittimo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto Gioia Tauro, Gelardi: "A rischio chiusura, urge intervento del governo"
ReggioToday è in caricamento