rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024
L'affondo / Villa San Giovanni

Sulla realizzazione del ponte sullo Stretto si consuma l'ultima polemica politica

Il gruppo di Forza Italia contro il sindaco Caminiti: "Attacca Cannizzaro per avere visibilità nazionale"

“Il primo cittadino villese è così impegnato ad intervenire sulla vicenda Ponte che tralascia temi più attinenti al suo mandato, come la manutenzione ordinaria, le politiche sociali, i lavori del Lungomare, la valorizzazione di Cannitello, le attività culturali e sportive. Parlare di un tema così importante su scala nazionale ed internazionale, attaccando per altro uno dei parlamentari realmente in attività per il territorio di Reggio e Provincia, non le darà la visibilità che spera". 

L'affondo arriva dai consiglieri di minoranza Marco Santoro, Filippo Lucisano, Daniele Siclari, Domenico De Marco e Stefania Calderone che proseguono: "Pertanto le conviene riporre nel cassetto le sue ambizioni di carriera politica, a cui evidentemente mira, infischiandosene delle concrete necessità di Villa. Queste uscite pubbliche sono la palese dimostrazione della volontà di scalare posizioni. Forse si è resa conto che fare il Sindaco non è cosa da tutti".

"Ci dispiace, sinceramente, che sfrutti l’occasione del Ponte - dicono ancora - per ergersi ad eroina della situazione. Ma così non è. Prova ne è che sulle tematiche di cui ha recentemente parlato, si è più volte confrontata sia personalmente che telefonicamente con lo stesso Cannizzaro, il quale ha fatto sue le istanze di tutta l’amministrazione villese per portarle in Parlamento. E così è stato. Perché solo il leader di Forza Italia è sempre pronto ad aprire la porta a tutti, anche chi proviene da altre sfere politiche. Da qui a pretendere che ogni richiesta venga esaudita, però, ci sembra un’esagerazione bella e buona, studiata ad arte appunto per mettersi in mostra".

Per i consiglieri di minoranza: "Giusy Caminiti sapeva bene che la richiesta di inserire i Comuni di Villa e Messina nel cda della Società Stretto di Messina era quasi proibitiva, per questioni puramente normative e legislative, non certo di natura politica, eppure è stata ugualmente sottoposta da Cannizzaro all’esame della maggioranza, che l’ha respinta; fatto riscontrabile dagli atti legislativi predisposti".

"Pensando di poter dare un colpo al cerchio ed uno alla botte - spiegano - lei gioca a fare l’equilibrista, cercando da un lato di non perdere la grande disponibilità politica dell’unico parlamentare presente sul territorio e dall’altro di non inimicarsi i suoi consiglieri di Maggioranza, che legittimamente la incalzano per non avallare la questione Ponte. Tutto questo è molto triste. E noi non possiamo restare indifferenti davanti al tentativo becero del sindaco Caminiti di far passare un messaggio negativo di Forza Italia e del nostro leader.”

“Dunque – aggiungono - perché non attacca tutti gli altri parlamentari a cui lei si è ripetutamente rivolta ben prima di parlare con Cannizzaro? Ci riferiamo a quelli più affini alle sue vedute (PD, 5stelle, etc etc). Cannizzaro invece, ancora una volta, si è fatto portavoce di un intero territorio, come nel caso degli emendamenti al decreto Ponte che, se approvati nei prossimi giorni, avranno ricadute importanti per tutta l’Area dello Stretto e non solo".

“Siamo felici poi – concludono i consiglieri villesi di opposizione – che in queste settimane Villa San Giovanni abbia avuto voci autorevoli in Parlamento, oltre quella di Francesco Cannizzaro. Ci riferiamo alle audizioni tecniche avvenute a commissioni della Camera riunite, con la presenza di Rocco La Valle esponente di Forza Italia, già autorevole sindaco di una stagione felice e produttiva per Villa San Giovanni, che da primo cittadino ha seguito con autorevolezza la realizzazione della variante di Cannitello e che grazie alle interlocuzioni romane assieme al vice Sindaco Messina, al presidente del Consiglio Cassone ed agli assessori Siclari, Santoro, Donato, Romanzi, Micari e tutta la squadra di allora è riuscito a mettere al centro del dibattito l’intera comunità villese. Non abbiamo bisogno di polveroni, ma di fatti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sulla realizzazione del ponte sullo Stretto si consuma l'ultima polemica politica

ReggioToday è in caricamento