rotate-mobile
Politica

Palazzo San Giorgio, Marra affonda il colpo: "Reggini poco interessati alle poltrone"

Per il presidente del Movimento autonomo popolare: "Alla gente non interessano i litigi e le riunioni politiche ma la grave situazione economica della città"

“E' da quasi due mesi che assistiamo a riunioni interpartitiche nella speranza che tutto finisca presto e che si arrivi ad avere una giunta comunale in grado di attivarsi per politiche sociali ed economiche visto le varie problematiche di moltissime famiglie in città. Alla gente non interessano i litigi e le riunioni politiche tra il sindaco e i vari partiti per questioni di poltrone e compiti da assegnare, quello che interessa è la grave situazione economica e sociale che si vive in città negli ultimi anni”. A parlare è Pietro Marra, presidente del Movimento autonomo popolare.

Marra Pietro“Non sperate quindi nelle dimissioni di nessuno, lo dico da anni - prosegue Marra - ne da parte della maggioranza ne dalla parte della minoranza in quanto in politica si gioca di strategie politiche e di oppurtunità che nessuno si lascia scappare, specialmente dopo gli aumenti che l'Anci ha fatto recentemente; si andrà a votare sicuramente nel 2026 salvo colpi di scena o interventi della magistratura e tanti già sono usciti allo scoperto, come Lamberti Castronuovo che ammirò per la realtà sanitaria che ha creato a Reggio, Massimo Ripepi ex collega di Fratelli d'Italia, attivo da sempre sul territorio reggino che porta avanti battaglie per la nostra Reggio e tanti altri personaggi politici e non che piano piano stanno portando avanti iniziative e proteste con associazioni e comitati di quartiere che non intendono arrendersi e vedere sprofondare Reggio nell'abisso totale".

“Ovviamente neanche noi come Movimento autonomo popolare - conclude - staremo a guardare e come in ogni tornata elettorale faremo in modo di presentare la nostra lista anche in unione con altre, perché la città non merita i periodi neri che sta attraversando ed è per questo che con l'anno nuovo inizieremo subito con delle riunioni programmatiche, per  valutare la discesa in campo come nostro candidato sindaco di una persona con grande professionalità, determinazione e rigore nonché vicina alle forze armate”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzo San Giorgio, Marra affonda il colpo: "Reggini poco interessati alle poltrone"

ReggioToday è in caricamento