Sabato, 20 Luglio 2024
La solidarietà

Teknoservice, Milia vicino ai lavoratori: "Condizioni di lavoro inaccettabili"

Il capogruppo e consigliere comunale di Forza Italia: "L’Amministrazione velocizzi le procedure per il nuovo metodo di raccolta"

"I lavoratori Teknoservice sono allo stremo: la lettera pubblicata sulla stampa, scritta da un gruppo di dipendenti, descrive perfettamente la situazione inaccettabile e precaria che ogni giorno questi straordinari operatori si trovano ad affrontare: non possiamo più attendere", dichiara il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale, Federico Milia.

"Ho letto con attenzione lo sfogo dei lavoratori e ho chiesto loro delucidazioni sui punti espressi nella lettera pubblicata: il quadro che ne emerge è quanto di più drammatico si possa immaginare. Le modalità realizzative del piano di raccolta differenziata in città si sono rivelate, sin da subito, fallimentari determinando gravi disagi, sia ai cittadini che agli operatori del settore".

"Le cause del fallimento di questo sistema di raccolta - continua Milia - si possono riassumere essenzialmente in 3 punti:
1. nel non aver effettuato uno “studio di settore” particolareggiato ed attento, comparato ad altre dimensioni urbane simili alla nostra, vista la particolare morfologia urbana della città di Reggio Calabria;
2. nella quasi totale assenza di controlli, con conseguenti sanzioni nei confronti dei trasgressori;
3. nella mancanza di gradualità nel passaggio alla differenziata, che avrebbe aiutato a sensibilizzare i cittadini contribuendo all’introduzione della raccolta non solo come abitudine ma anche come dovere civico".

"L’Amministrazione comunale ha il dovere di tutelare questi lavoratori, la cui attività riveste un alto valore sociale per tutta la comunità reggina: mi batterò perché le loro voci non restino inascoltate, sarò vicino ai lavoratori in questa battaglia", conclude il consigliere Milia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teknoservice, Milia vicino ai lavoratori: "Condizioni di lavoro inaccettabili"
ReggioToday è in caricamento