rotate-mobile
Domenica, 25 Febbraio 2024
L'abbraccio

La Calabria piange la scomparsa di Denise: i messaggi di cordoglio

La giovane studentessa reggina è morta dopo essere caduta in acqua nel fiume Lao, nel Cosentino

Una tragedia senza fine ed un dolore comune per la scomparsa di Denise Galatà, la 18enne, morta dopo una fatale escursione tra le acque del fiume Lao, nel Cosentino. Tanti i messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia della studentessa del liceo Rechichi di Polistena.

"Giorno buio per la Calabria e per il mondo scolastico", afferma Giusi Princi, vicepresidente della Regione, che esprime, "il più sincero cordoglio alla famiglia e all'intera comunità del liceo Rechichi di Polistena per la tragica scomparsa di Denise Galata, giovane studentessa dallo sguardo luminoso, da cui si percepiva l'entusiasmo e l'attesa impaziente del futuro.

In questi momenti di angoscia, il mio pensiero va anche ai suoi compagni che stanno affrontando la drammatica esperienza del lutto e del dolore e che tra poche settimane sosterranno il delicato momento degli esami di stato. Mi auguro che, con l'aiuto dei docenti e delle figure di riferimento, con il reciproco sostegno, riescano a trasformare il dolore della perdita in un'occasione di maturazione e di impegno, nella consapevolezza che la vita è un dono prezioso e che la solarità e il ricordo della giovane Denise li accompagnerà sempre".

Vicinanza e cordoglio anche dal Consiglio regionale della Calabria: "Non ci sono parole in grado di esprimere il profondo dolore e l’angoscia  per la morte di una giovanissima vita interrotta tragicamente". Il presidente  Filippo Mancuso esprime "i sentimenti di cordoglio del Consiglio regionale della Calabria alla famiglia di Denise Galatà, ai suoi amici e all’intera comunità di Rizziconi".

"Dolore e sgomento", scrive la Filcams Cgil Calabria: "Abbiamo sperato fino alla fine che la vita della giovane Denise non si fosse spezzata proprio in un giorno di gioia, spensieratezza, conviviale. Invece proprio quei sentimenti che dovrebbero rappresentare una gita scolastica o un semplice giorno di vacanza tra le bellezze della Calabria si sono ribaltati, proprio come un gommone, trasformandosi in dolore, sgomento, rabbia per una giovane vita stroncata ingiustamente. 

Ricordiamo come proprio qualche anno fa, sempre nel Pollino, i dieci escursionisti morti, travolti dall’acqua, mentre visitavano e percorrevano le nostre montagne. C’è il tempo del dolore, del silenzio, della solidarietà ma verrà il tempo della chiarezza e della responsabilità. Bisogna capire, accertare e possibilmente prevenire, curare i luoghi e gli spazi dedicati al turismo, cambiare l’approccio che chi governa ha avuto e continua ad avere.

Non esistono fatalità, esistono responsabilità sia quando certe tragedie accadono mettendo alla luce la debolezza di un sistema turistico spesso arrangiato o di fortuna, sia quando, avendone la responsabilità non si interviene per regolare e mettere in sicurezza il territorio. La Filcams Cgil Calabria si stringe alla famiglia di Denise, alla sua comunità, a quanti le hanno voluto bene. Avvertiamo il peso della responsabilità che tragedie come questa ci consegnano, un motivo in più per essere sentinelle determinate ed attente per impedire che ciò si debba ripetere". 

"La triste notizia del ritrovamento del corpo di Denise Galatà ci addolora profondamente tutti. Una gita - afferma Giacomo Francesco Saccomanno, commissario regionale della Lega Calabria - che doveva essere un momento di gioia e nuove conoscenze si è trasformata in una tragedia inaspettata. Una disgrazia che ha distrutto una famiglia e un’intera comunità e che ci accosta sinceramente alla grande tristezza ed al profondo e struggente dolore ed alla immensa disperazione in cui si trova la famiglia Galatà".

Sentimenti di vicinanza anche da Michelangelo Tripodi della Fondazione Girolamo Tripodi "profondo cordoglio ai genitori e ai familiari di Denise, ai suoi amici, ai suoi compagni di classe nonchè completa vicinanza e solidarietà a tutta la comunità scolastica del liceo Giuseppe Rechichi  di Polistena (studenti, famiglie, dirigente scolastico, Dsga, docenti e personale  Ata) in questo momento di enorme tragedia e di  grande dolore. Sono molto addolorato e rattristato per la dolorosa e tragica scomparsa della studentessa Denise Galatà, avvenuta nel drammatico incidente accaduto sul fiume Lao. 

Non ci sono parole per esprimere la costernazione e lo sconcerto. Una gita scolastica non può concludersi con una immane sciagura come quella accaduta con la morte di Denise. Non si può troncare in questo modo una vita in così tenera età. Un forte abbraccio alla  famiglia che vive nell’angoscia e nello strazio, colpita da una disgrazia così grande e inconsolabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Calabria piange la scomparsa di Denise: i messaggi di cordoglio

ReggioToday è in caricamento