rotate-mobile
L'operazione

'Ndrangheta, maxi blitz in Calabria: tra gli indagati ci sono politici e imprenditori

Inchiesta "Glicine" della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro. Tra gli indagati oltre all'ex presidente della Regione, Mario Oliverio, anche gli ex assessori regionali Nicola Adamo, ed Antonietta Rizzo, e l'ex consigliere regionale Seby Romeo, tutti del Pd

E' indagato anche l'ex presidente della Regione Calabria Mario Oliverio, di 70 anni, eletto col Pd, nell'inchiesta "Glicine" della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro che ha portato all'esecuzione di 43 misure cautelari.

L'ipotesi di reato a carico di Oliverio, in carica dal 2014 al 2020, come riporta l'Ansa, é quella di associazione per delinquere aggravata dalle modalità mafiose. Tra gli indagati ci sono inoltre gli ex assessori regionali Nicola Adamo, di 66 anni, ed Antonietta Rizzo, di 59, e l'ex consigliere regionale Seby Romeo, di 48, tutti del Partito democratico; e ancora l'ex consigliere regionale Enzo Sculco (ai domiciliari); la figlia Flora Sculco, a sua volta ex consigliere regionale. 

Tra i 123 indagati, come scrive Today.it, anche l'ex assessore comunale di Crotone Giancarlo Devona e l'attuale sindaco di Rocca di Neto Alfonso Dattolo. Gli imprenditori Giovanni Mazzei, Raffaele Vrenna e il fratello Gianni, rispettivamente ex presidente e attuale presidente del Crotone Calcio. E ancora dirigenti della Regione Calabria e dell'Azienda sanitaria provinciale di Crotone. Quindi il boss dell'omonima cosca di Papanice Mico Megna e un nutrito gruppo di affiliati. 

Ad alcuni degli indagati, tra l'altro, riporta l'Ansa "viene contestato il reato di scambio elettorale politico-mafioso. Le persone coinvolte nell'operazione sono indagate, a vario titolo, per vari reati, che vanno dall'associazione per delinquere di tipo mafioso e dall'associazione finalizzata alle truffe all'estorsione ed all'illecita concorrenza. Nell'ambito dell'inchiesta viene contestato anche un omicidio".

L'operazione del Ros dell'Arma è stata condotta con il supporto, nella fase esecutiva, dei carabinieri dei comandi provinciali di Crotone, Cosenza, Catanzaro, Potenza, Parma, Brescia, Milano e Mantova e dello Squadrone Eliportato Calabria.

Ventidue delle persone coinvolte sono indagate per associazione per delinquere di tipo mafioso, 9 per associazione per delinquere, 3 per associazione per delinquere finalizzata alle truffe ed altri per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza, trasferimento fraudolento di valori, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, turbata libertà degli incanti, corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio e falsità ideologica e materiale commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Ndrangheta, maxi blitz in Calabria: tra gli indagati ci sono politici e imprenditori

ReggioToday è in caricamento