rotate-mobile
Domenica, 2 Ottobre 2022
Il provvedimento

La Dia confisca beni a un imprenditore novarese vicino alla 'ndrangheta

Con dei prestanome provava a sfuggire ai controlli delle forze dell'ordine, sotto chiave beni per circa 600 mila euro

La Direzione investigativa antimafia ha eseguito un decreto di confisca, emesso dal tribunale di Novara su proposta del direttore della Dia, Maurizio Vallone, nei confronti di un imprenditore che opera nella provincia di Novara ritenuto in stretti rapporti, anche di tipo professionale, con soggetti condannati per associazione mafiosa, poichè appartenenti alla criminalità organizzata calabrese. 

L’attività investigativo-patrimoniale ha permesso l’acquisizione di una ampia documentazione che dimostra la fittizia intestazione di beni a persone fisiche e giuridiche vicine all’imprenditore, in particolare, le quote di una società che opera nel settore dei metalli ferrosi che di fatto era gestita dallo stesso. 

L’utilizzo di prestanome serviva all’imprenditore, già condannato per riciclaggio, ad eludere le disposizioni di legge in quanto sottoposto ad una misura di prevenzione personale e patrimoniale. Il provvedimento trova giustificazione nella sproporzione tra il reddito dichiarato e i beni in suo possesso ed ha interessato oltre alla società, rapporti bancari, immobili e veicoli, nonchè altri rapporti finanziari ed assicurativi riconducibili all’imprenditore. Il valore complessivo dei beni sottoposti a confisca è di circa 600.000 euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Dia confisca beni a un imprenditore novarese vicino alla 'ndrangheta

ReggioToday è in caricamento