Cronaca

Addio Massimo Bandiera, gentiluomo del mondo sportivo

Il giornalista, 47 anni, originario di Siracusa, ma reggino d'adozione è morto oggi dopo aver combattuto come un leone contro la malattia. E' stato anche capo ufficio stampa della Reggina Calcio con Lillo Foti presidente

Massimo Bandiera ci ha lasciati. Il giornalista, 47 anni, originario di Siracusa, ma reggino d'adozione, se n'è andato in punta di piedi dopo aver combattuto contro la malattia che oggi lo ha strappato alla vita. Dirigente sportivo del Siracusa, del Cosenza e della Reggina ha legato la sua carriera al club amaranto ricoprendo vari incarichi: capo ufficio stampa con Lillo Foti presidente, team manager e segretario sportivo nell'era Gallo.

"Unendo le sue due passioni più grandi - afferma Giornalisti Italia - è stato una colonna della squadra di calcio dei Giornalisti Reggini che, per anni, ha partecipato ai tornei amatoriali ed al campionato italiano per giornalisti organizzato dall’Ussi. Di lui rimane il ricordo di un professionista serio e competente, ma soprattutto di una persona perbene, sempre rispettosa degli altri e mai sopra le righe. Un grande uomo che la morte ci ha strappato troppo presto".

Incredulità e tristezza tra i colleghi e gli amici che appresa la notizia hanno inondato i social con messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia. Il suo sorriso e quel garbo innato continueranno a vivere nel ricordo di quanti hanno avuto la fortuna di incrociare il cammino di una persona davvero speciale. 

"Arrivasti nel mio ufficio, 20 anni fa, consigliatomi dal nostro fratellino Pippo Giuseppe Sapienza - scrive Giusva Branca - arrivasti col sorriso di chi è pulito e con un garbo antico, unito a una nobiltà d'animo tutta siciliana e iniziammo subito a lavorare a capo chino ma continuando a sorridere. E io, solo tre giorni dopo, lo capii alla tua prima partita, quella dei sediolini col Brescia, dal tuo sorriso: questo mondo non si meritava un uomo bello come te, Massimo Bandiera".

Addio a una persona speciale: il cordoglio del sindaco

Mister Nevio Orlandi: "Quanta tristezza, ci lascia un amico sincero, persona esemplare e compagno di tanto calcio insieme. Addio Massimo".

"Ho condiviso con lui oltre 10 anni di Reggina … - dice Peppe Piromalli - di momenti belli e meno belli mi resta indelebile il ricordo di una bella e buona persona di un serio professionista di un caro amico che sicuramente lascia nel mio cuore un profondo dolore che cercherò di attenuare ricordandomi del suo meraviglioso sorriso. Buon viaggio amico". 

Pagina social della Reggina listata a lutto: programmazione Tv sospesa e il pensiero del presidente Gallo

reggina lutto bandiera-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio Massimo Bandiera, gentiluomo del mondo sportivo

ReggioToday è in caricamento