Strutture per la prima infanzia, arriva la proroga all'adeguamento di legge

Lo ha deciso il Consiglio regionale approvando una proposta avanzata da Tilde Minasi (Lega) e Flora Sculco (Dp): "Strutture che forniscono sostegno essenziale alle famiglie"

Palazzo Campanella

Minasi Tilde-2-2 "E' stata approvata in consiglio regionale la proposta di legge che prevede la Proroga del termine di adeguamento, modifica delle disposizioni transitorie sui requisiti strutturali e organizzativi delle strutture socio-educative per la prima infanzia che, insieme alla collega Flora Sculco (Dp), e di concerto con l'assessore al Welfare Gianluca Gallo, molto sensibile alle richieste del settore, abbiamo presentato per venire incontro, appunto, alle strutture che si occupano della prima infanzia".

Così la capogruppo della Lega in Consiglio regionale Tilde Minasi, prima firmataria del provvedimento che oggi ha ottenuto il placet dell'aula di Palazzo Campanella. "L'emergenza legata all'avvento del coronavirus - spiegano le due consigliere regionali Tilde Minasi e Flora Sculco - ha comportato gravi disagi in numerosi settori socio economici della nostra regione ed in tutta Italia. A confrontarsi con ostacoli e difficoltà anche le strutture socio educative per la prima infanzia, le quali, come è noto, forniscono un supporto essenziale alle famiglie, ai minori e contribuiscono in maniera importante ad una gestione ben appropriata della quotidianità intra ed extra familiare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo ritenuto necessario - specificano le due consigliere regionali - che, attraverso questa proposta di legge ed alla luce delle nuove esigenze palesate con il diffondersi del Covid, si possa garantire la prosecuzione di tali attività che risultano strategiche nell'ottica dell'integrazione e del sostegno ai bambini in età evolutiva. La pandemia, infatti - aggiungono Minasi e Sculco - e il conseguente lockdown hanno purtroppo causato un blocco nell'iter dei lavori di adeguamento e sarebbe quindi significativo differire dal 30 giugno, così come originariamente previsto, al 31 dicembre di quest'anno il termine stabilito. Un passaggio - concludono - non incisivo economicamente per la Regione, dal momento che tale posticipo non comporta aggravamenti di spesa, ma la cui approvazione e' significativa per le strutture interessate e per l'indotto, poiche' scongiura l'interruzione di un servizio indispensabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si nascondevano in Germania per sfuggire alla legge, un reggino fra i due italiani estradati

  • "Mandamento jonico", l'ex sindaco di Roghudi Lorenzo Stelitano ritorna in libertà

  • Festa di Madonna, la processione non si farà: la Sacra Effigie sarà esposta in Cattedrale

  • Incendiata l'auto di un imprenditore, la solidarietà di Confindustria e Ance Reggio

  • Trovato morto a Roma Rocco Panetta: il giovane gioiosano scomparso a giugno

  • Incidente rotatoria per Motta SG, auto "vola" e sbatte contro un muro: ferito il conducente

Torna su
ReggioToday è in caricamento