"Fiction su Riace deve andare in onda", l'intervento di Klaus Davi

Per il massmediologo "inammissibile censura a priori in uno stato liberale". La fiction, bloccata nel 2018, racconta la storia di Riace, il comune simbolo dell'integrazione

"A prescindere da come la si possa pensare sulla vicenda specifica, ritengo che la storia di Riace sia rilevante e che una fiction che la racconti sia una preziosa opportunità di riflessione". 

Lo ha dichiarato Klaus Davi, in merito a "Tutto il mondo è paese", la fiction con Beppe Fiorello, bloccata nel 2018 e tuttora non trasmessa dalla Rai, che narra la storia di Riace, il comune simbolo dell'integrazione.

"Non è necessario condividere delle opinioni per battersi affinché esse vengano liberamente espresse - conclude Davi - si chiama cultura liberale e in un paese come l’Italia, che oscilla antropologicamente tra la destra piu becera e il cattocomunismo radical chic, è una rarità. Il servizio pubblico dovrebbe documentare, non censurare. Per questo auspico che la fiction su Mimmo Lucano vada in onda". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Tar Calabria boccia la scelta di Spirlì, per i giudici amministrativi si può tornare in classe

  • Coronavirus, la Calabria resta in zona rossa: nuova ordinanza del ministro Speranza

  • 'Ndrangheta, sigilli alla "Pescheria del viale" e ai conti di Alfonso Molinetti e dei familiari

  • Un malore stronca un anziano sul centralissimo Corso Garibaldi

  • Birre al bergamotto e all’estratto di olive conquistano il palato e fanno bene alla salute

  • Le menti del "Farmabusiness" avevano puntato anche la Città dello Stretto

Torna su
ReggioToday è in caricamento