Le mani della 'ndrangheta in Trentino, schiaffo alla cosca Serraino: i nomi degli arrestati

Operazione della polizia di Stato e dei carabinieri del Ros, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia. In manette elementi di vertice, luogotenenti e affiliati al clan operante a Reggio Calabria e nel Trentino Alto Adige

Uno degli indagati all'uscita dalla Questura

Operazione "Pedigree 2" della polizia di stato e dei carabinieri del Ros di Trento e Reggio Calabria, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In manette sono finiti elementi di vertice, luogotenenti e affiliati alla potente cosca di 'ndrangheta dei Serraino, operante a Reggio Calabria e nel Trentino Alto Adige. Tutti sono ritenuti responsabili di associazione mafiosa.  Gli investigatori del Ros e della Squadra mobile reggina hanno eseguito anche numerose perquisizioni e il sequestro di un esercizio commerciale. 

I dettagli dell'operazione

I nomi:

  • Serraino Antonio, detto "Nino", nato a Cardeto, 40 anni, residente a Reggio Calabria e attuale reggente dell'omonima cosca di 'ndrangheta, figlio del defunto Domenico Serraino, (classe 1945 detto "Mico") e nipote del defunto Francesco Serraino, classe 1929, alias "il boss della montagna";
  • Russo Francesco, detto Ciccio "lo Scalzo" o "u Scazzu", 47 anni, nato a Cardeto e residente a Reggio Calabria;
  • Fallanca Antonino, nato a Cardeto, 66 anni, residente a Reggio Calabria;
  • Russo Paolo, detto "Zamburro", nato a Cardeto, 59 anni ed ivi residente;
  • Vecchio Sebastiano, detto Seby, nato a Reggio Calabria, 47 anni, ed ivi residente. Assistente capo coordinatore della polizia di stato in forza presso il compartimento di polizia ferroviaria di Venezia e attualmente sospeso dal servizio in forza di un provvedimento disciplinare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare: marito uccide la moglie con un'arma impropria, indagano i Carabinieri

  • Gallo e la M&G Holding, le Iene "indagano" sulla società del presidente amaranto

  • Nuovo Dpcm contro il Covid: stop anticipato a ristoranti e bar, no al divieto di circolazione

  • "Batteri coliformi nell'acqua", scatta il divieto per uso alimentare in alcune zone della città

  • Falcomatà battezza la sua nuova giunta: "Capaci di vincere le partite più difficili"

  • L’annona il “pane degli dei” simbolo di Reggio: alla scoperta del frutto esotico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ReggioToday è in caricamento